Archivio

Archivio Ottobre 2006

Produzione artigianale e produzione industriale

6 Ottobre 2006 Commenti chiusi


Tratto dal libro di Shri Mataji Nirmala Devi (fondatrice di Sahaja Yoga) “Meta modern era”

“…La varietà dei materiali da cui si possono creare a mano prodotti d’artigianato e di arredamento, non può essere eguagliata da nessuna macchina.

Si possono usare tante diverse cose come: vetro, argilla, legno di sandalo, avorio, conchiglie, noci di cocco, legno, lana, cotone, bronzo, argento, oro. Quanti materiali possono essere usati! Inoltre c’è una ‘ricaduta’ ecologica. Poiché queste sono cose fatte a mano, non assorbono troppa energia da Madre Terra. E dal momento che si ha a che fare con del lavoro umano individuale, entrano per forza in gioco dei limiti naturali che riducono l’uso di materie prime e di energia umana.

Inoltre le mani dell’artigiano non creano fumi che vanno a far buchi nello strato di ozono, fonte per noi assolutamente vitale di protezione e di conservazione di energia.

L’unico handicap in tutto questo è che alla fine le cose belle potrebbero essere troppe. Ma è così piacevole prendersi cura di tutte queste cose, trovare il loro posto giusto in casa, al solo fine di donare bellezza e armonia alla vita nostra e a quella di chiunque venga a trovarci.

E poi, anche se dovesse capitare di comprare qualche cosa fatta a mano che poi si scopre di non poter usare, la si può dare a qualcun altro che certo l’apprezzerà, e gioirà del vostro dono molto più che se avesse ricevuto un prodotto industriale, di plastica, perché questo dono invece ha una sua essenza, una sua naturale individualità e unicità, ed è di per sé così bello.”

Riferimenti: Sahaja Yoga